INFORMATIVA PRIVACY E COOKIES

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione dedicata Privacy e Cookies.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

IL BUCINTORO, LA STORIA DI UN MODELLO

 

 

IL BUCINTORO DEL SETTECENTO
L’intero progetto è stato ideato e realizzato dallo Studio d’Arte del maestro Ivan Ceschin di Conegliano (TV) - Italia.
Il modellino riproduce in scala 1:25 (cm 183x100x100 h) il celebre BUCINTORO veneziano del 1700. Molti anni di
lavoro sono stati dedicati a dare forma a questo capolavoro dalle complesse componenti lignee della struttura fino al più
piccolo e minuzioso dettaglio, da centinaia di sculture interamente modellate a mano. Ogni figura dell’apparato decorativo
è stata ideata prestando fede alle descrizioni e alle immagini secondo l’iconografia e lo stile artistico dell’epoca,
aggiungendo ulteriori studi, rivisitando i modelli esistenti e le ricostruzioni di alcuni importanti studiosi. I materiali
scelti sono della migliore fattura, gli intarsi con legni pregiati e antichi impreziositi da inserti madreperlati, le sculture
sono dorate a mano in foglia oro zecchino 24 carati, il velluto cremisi scelto tra i migliori tessuti realizzati con telai
antichi. Tutto questo per rievocare lo sfarzo e lo splendore dell’imbarcazione più celebre e identificativa della ricchezza
di Venezia.
STORIA IN BREVE
Il Bucintoro, la nave da parata prediletta della Repubblica di Venezia, era una spettacolare galea di enormi dimensioni,
interamente coperta di intagli, decorazioni e statue dorate che simboleggiavano la gloria della Repubblica. Il primo fu
commissionato nel 1311 e da allora, seppur modificato e ricostruito più volte nel corso dei secoli, è riconosciuto per
essere stato il naviglio più sontuoso e maestoso che abbia mai attraversato le acque della Laguna di Venezia. Imbarcazione
di rappresentanza del Doge durante la Festa della Sensa (l’Ascensione) era al centro del rito dello Sposalizio
del mare, rito in cui il Doge, simboleggiante lo Stato di Venezia, gettava in mare un anello d’oro da un pertugio posto
sul Bucintoro a celebrare l’unione tra Venezia e il mare Adriatico. L’ultimo Bucintoro che varcò le acque della laguna
fu iniziato nel 1719 e completato nel 1729: sebbene fosse simile per struttura e apparato iconografico al precedente, si
distingueva per lo sfarzo degli addobbi, intagli, statue e doratura. L’ultimo Sposalizio del Mare si
svolse a Venezia nel 1796 e vide l’ultima messa in scena del Bucintoro in pompa magna. La galea infatti fu distrutta
nel 1798 quando le truppe francesi di Napoleone abbandonarono Venezia in seguito al Trattato di Campoformio con
l’ordine di mettere fuori uso le navi veneziane.
Famosi sono ancora oggi i dipinti e le incisioni raffiguranti il Bucintoro realizzati dai maggiori pittori veneziani dell’epoca,
in primis il Canaletto, uniche testimonianze dello splendore e della ricchezza di Venezia e del Bucintoro.

THE 18TH CENTURY BUCINTORO
The entire project was conceived and carried out by the Art studio of master Ivan Ceschin from Conegliano (TV) - Italy.
The model reproduces in 1:25 scale (cm.183x100x100 h.) the famous Venetian BUCINTORO of 1700. Many years
of work have been dedicated to giving shape to this masterpiece from the complex wooden components of the structure
to the smallest and most meticulous detail, from hundreds sculptures entirely modeled by hand. Each figure of the
decorative apparatus was designed by trusting the descriptions and images according to the iconography and artistic
style of the time, adding further studies by revisiting the existing models and the reconstructions of some important
scholars. The materials chosen are of the best workmanship, the inlays with precious and ancient woods embellished
with mother-of-pearl inserts, the sculptures are hand-gilded in 24-carat gold leaf, the crimson velvet chosen from the
best fabrics made with antique looms. All this to evoke the pomp and splendor of the most famous and identifying boat
of the wealth of Venice.
History in brief
The Bucintoro, the favorite parade ship of the Republic of Venice, was a spectacular galley of enormous dimensions,
entirely covered with carvings, decorations and gilded statues symbolizing the glory of the Republic. The first was
commissioned in 1311 and since then, although modified and rebuilt several times over the centuries, it is recognized
as being the most sumptuous and majestic canal that has ever crossed the waters of the Venice Lagoon. Representative
boat of the Doge during the Festa della Sensa (Ascension) and was at the center of the rite of the Marriage of the sea, a
rite in which the Doge, symbolizing the State of Venice, threw a golden ring into the sea from a hole in the sea on the
Bucintoro to celebrate the union between Venice and the Adriatic Sea.
The last Bucintoro that crossed the waters of the lagoon was begun in 1719 and completed in 1729, although it was
similar in structure and iconographic apparatus to the previous one, it stood out because it was the most sumptuous of
all for decorations, carvings, statues and gilding. The last Marriage of the Sea took place in Venice in 1796 and saw the
last staging of Bucintoro with great fanfare. In fact, the galley was destroyed in 1798 when Napoleon’s French troops
abandoned Venice following the Treaty of Campoformio with the order to disable the Venetian ships.
The paintings and engravings depicting the Bucintoro and made by the major Venetian painters of the time, primarily
Canaletto, are still famous today, the only evidence of the splendor and wealth of Venice and Bucintoro.

  

  

 

Posted on 05/06/2023 Approfondimenti su prodotti, Video 0 752

Lascia un commentoLeave a Reply

Effettua il login per inserire un commento.
Compara 0
Prec.

No products

To be determined Shipping
0,00 € Totale

Procedi con l'ordine